Temporalità

….

        TEMPORALITÀ 

Spilucco 
grappoli di stelle 
in questa notte di tarda estate

ubriaca d’azzurro

azzardo il sonno al sogno d’ 
opulenti biglie in 
rugiadate gioie
(l)lì verdi… 
qui gialle… 
qui rosse… 

bordato marciapiede 
che piumai di soffioni

….      



(4 ottobre 2004)


d°'
Annunci

“levata…

....

"levata 
solo un fiore, un fiore soltanto" 
era appuntato per verso 
all'isolato di turno 
tra la memoria sfasata 
d'una giornata diversa,

ma per che cosa non so, 
non lo percorro l'accordo 
giunto quel giorno in anello 
al crocevia dell'eterno; 
<<levata, solo levata>> 
uno soltanto, diretto

<<levata, solo levata>> 
era di sera la luce del giorno

….


(26 ottobre 2014)

d°'

Prima del vespro

….

        PRIMA DEL VESPRO

La luce lunare, riflessa, sbozza 
il tuo volto nei miei occhi, memoria 
ch'ora ti vorrei: spessore traslucido di carne 
ramata dal toccar più battente del giorno, 
grezzo 
come fosti giocondo nel 
tatteggiare delle pelli naspre, 
al desinar congi'unti,

prima, carnalità, del vespro

….     



(11 maggio 2007)


d°'

Riposo

….

        RIPOSO 

Nel simposio delle ombre 
trasale l’onda d’enorme nero manto 
stillato dall’argento 
di sirene lontane 
l’incanto e l’annuncio 
d’un partire giunto 
ove un orizzonte arrossa 
in qualche luogo rappreso 
le percezioni del senso

acceso dal livore dei corpi 
di cera, come appaiono e 
stanno taciturni esposti 
nella naturale indiscrezione dello sguardo che 
li osserva d’ambra tra 
la distratta lassitudine del sonno, 
dopo il giorno di mille faccende 
in ogni notte disciolto

….   



(21 giugno 2008)


d°'

A mezzarco

….

        A MEZZARCO
 
Sul ventre nerodipece 
d’un deposito d’armamenti 
- similvascello rovescio - 
copulato sta 
un comizio d’anime bianche 
nella condensa pace 
del Sole com-battuto 
dall'ombra a mezzarco.

Dove il creato spira 
nel giorno del riposo 
si fa la tregua 
con la fatica del caso

….


(15 gennaio 2008)


d°'