e intanto passa senza passare…

....

e intanto passa senza passare, 
in altomare le conchiglie piene 
dei bambini di perla, troppo rara per 
sprecarla in un soffio di ventura,

quanta premura a esorcizzar la vita, 
come se fosse saggia la natura da 
lontano, col suo eco nella mano 
già scottata all'orizzonte

.... 


(30 giugno 2014)


d°'
Annunci

Schiene

"perché stasera ho un'anima semplice, un corpo semplice, 
l'ermafrodito da con/fondere, un sogno da ricordare; perché tu 
hai un'anima semplice, un corpo semplice, 
una storia da comporre, un sogno da cantare"
....

mi sono fatto un sogno 
per non dimenticare 
ch'esiste quest'appoggio dell' 
immaginazione, che un giorno, forse, 
un giorno, farò un pieno di mare 
un nitido naufragio nel porto di realtà

nascoste a chi non crede che 
possa capitare, fermarsi in altomare a filo di 
barriere, e sventolar bandiera 
bianca, mista a quella spuma

che morbida si lava 
pensieri dalla duna

....



(2 luglio 2014)

d°'

quando il sole protegge tra l’ombre dei corpi…

….

quando il Sole protegge  tra l'ombre dei corpi 
l'estate accogliente, calda quanto basta, inesausta, e 
la geografia salta, tra le costellazioni di 
nèi bruniti al vento, tra il candido e 
il punto d'un motivetto lento

arenato  alla deriva dei sensi

….


(22 giugno 2014)


d°'

a volte consueta a inconsuete…

....

a volte consueta a inconsuete 
tenerezze, di pietra mi tingo 
l'ossa sporche nel sole 
(le rezze carezze se vuote nel porto 
a pelli melmose nel fare più assorto) 
e il sale marino non tiene la fuga 
per ogni stagione spirata dal mare 
notturno, quieto, calcareo di luna,

che cera la luna 
c'era.

....



(22 novembre 2014)


d°'

l’abbiamo detto: è teso sulle scale…

....

l'abbiamo detto: è teso sulle scale 
l'ossuto davanzale tra pietre grigie e 
le stanche nenie 
col fiato sporto 
al canestrato, ritorto, panno steso 
sul vuoto, e sottopassa il vento 
liricando i tubi 
dev'è sconnessa l'acqua ai traballandi rivi

il latrinare sommerge, lungo l'esilio, le percezioni

....



(29 settembre 2014)


d°'

mirabolare…

....

mirabolare 
lo stomaco nell'erba a punta di bastione 
ove rimonta il verde lanugginar del crine 
mischiato alla raggiera dal vento ortogonale

soffiare il tubolare che perticalizza le parole 
sudate sotto il sole scivoloso delle mani e 
i piedi a ragnatela per coglier l'orizzonte 
del viscido silenzio proteso sulle scale

.... 



(8 giugno 2014)


d°'