16/6/2018. rondini, fuori poesia

non ho mai capito le poesie con le rondini. poi stasera, tramontando, le rondini. com’è descriverne? […] Mi ha detto “Ciao” un bambino che osservavo e osservadolo mi ha fatto “Ciao”. Poi stasera le rondini. già passate ore dal primo saluto d’un ragazzo in auto, sbandieratore di braccia. Poi un bambino “Ciao”. Non ho mai spiegato le poesie. cosa c’è da spiegare? Metto le mani sugli occhi per non sentire. ma non capisco il senso di questo mettermi, le mani sugli occhi, per non sentire. “Accussì esco, e sola/vaco spiando ‘o Sole/comme annasconde a’ Notte/quanno s”a mette ‘nsino”. Nun me passà p”e regole ‘a giustificazione. Uno dei giorni che tutti “ciao”. Io con le messe sugli occhi. Poi le rondini. e una libellula. Ho già deciso e la decisione non ti piace. ma non puoi sentire, il piacere, hai le mani sugli occhi; e altri sensi.

Annunci

12/6/2018. è una domanda questa?

ci sono domande che prendono sensi perché non chiedono risposte. non metto quasi mai l’interrogativo mentre scrivo. ma quando lo metto ci passerei vite a […] Dicono spesso che non rispondo netto. [di netto ho già la parola sovrabbondante o gli affondi silenziosi]. il taglio è una linea nel mezzo d’uno sgorgo che t’informa senza fissazioni, fino all’estinguersi o al sigillo decifrabile solo in parte col marchio di fabbrica. [    ] Quando lo guardi in immagine il mare è sempre orizzontale: non so se ho capito bene cosa dicevano oggi tecnicamente. non avevo il mare davanti, poi, per riflessioni fuori immagine. e manco so se basterebbe levare la vista. è una domanda questa?

11/06/2018. bugiardi no

Barcollo d’artificio nella natura del corpo (quelli per l’asma parlavano di suicidio; queste di sonnolenza provvisoria. tranquillizzano le raccomandazioni. quasi meglio i comandamenti)

Chiedo all’arte l’arte non risponde, mai a comando.

Provo un po’ di santità con la stigmate nel corpo, dentro al corpo.

Questa roba non ha involucro. tutta scoperta la sonnolenza. se apri gli occhi lo devi guardare o infilarti nella carne. benedetti gli altri sensi, inconsueti alla rassegnazione.

Messa a scrivere d’artificio m’ammalerei. Chiedo all’arte: l’arte non risponde, mai a comando. e sia [   ]

6/6/2018. Annotazione: l’erotismo muta

l’erotismo è muto. slingua la pelle de/marcandola d’abito. non solo d’autunno cadono le foglie. il tronco beve d’una luce senza filtri. le memoria di cellule fa le code di lucertola tra le gambe degli uomini, i capelli delle donne. se un capo [è] raso mette carezze sulle scelte e sui malori. L’erotismo è muto. non nudo. già spogliato di convenevoli. di vento sale. assaggia. slingua l’acqua nell’acqua di corpo. L’inquinamento è linguaggio additabile. […]. L’ex galeotto corre, e corre, accanto la rete liberata di luce [    ]

1/6/2018. Annotazione

s’è posata sul ginocchio sinistro. l’ho cacciata via. alla fortuna non credo. non volevo schiacciarla. Si finisce sempre nell’egoismo di qualcuno. io son finita nel mio egoismo che: mi fa scrivere di tutti, pure di quelli che non esistono. l’arte fa senso pure dove non sta. l’arte fa: sensi. cosa rimette in vita lo intendi? S’è posata sul ginocchio sinistro. non capivo chi. poi l’ho cacciata via riconoscendo. ai portatori di fortuna non credo [se non sono i gatti con le più vite]. non volevo schiacciarla. […] Come rimette in vita lo intendi? [   ] Poi il gatto. del mio richiamo ha accettato solo l’immagine, di “aspetto”, guardingo. buon per lui non ero pistola. Come rimetta in vite lo intendi?

31/5/2018. tocchi

sono stanca di scrivere. tutto quello che tocco e non tocco. poi mi ritrovo a scrivere. e metto in bocca. la mia lingua ovunque, tutto quello che tocco e non tocco. poi mi ritrovo. fuori linguaggio. tutto quello ch’è tocchi e non tocchi. e metto, mi metto a scrivere, con tutto [    ]

18/4/2018

è dal pomeriggio cerco qualcosa. cosa. cerco adesso degli appunti. ma appunti nulla nei prossimi giorni. le bustine di carta degli intrugli vari hanno l’odore scialbo di fiori e frutti a stagione. sono per appunti. ma appunti nulla nei prossimi giorni. Leggevo di “impasse” mia sulla ricerca di qualcun altro. parole di ricerca [senzalimine]. sembra una chiave mia. di quando cerco qualcosa e non sto cercando proprio cosa. lo prendo per appunto, segnato oltre il limine di me. è l’assenza di spazio che, stavolta, sconfina le parole e la ricerca chi.

[…] qualcosa. cosa. […] bustine di carta e l’assenza di contenuto che d’altre possibili funzioni le […] bustine di carta e cosa. qual sia, si. […]