“Vuoi un caffè?”..”No.”

………………………………………………………………………………………………………….

Le lasciò un ricordo di quelli che durano. Uno di quelli

che piangono alla notte. Che ti chiedono il nome del padre,

della madre, dello spirito nell’armadio, scuro. Uno di quelli che

se lo battesimi paga anche lui le tasse sull’acqua tutta la vita

e dispensa dai fiori quando ha il valore delle radici; se lo dispensano

i suoi. Uno di quelli che a giorno abbaiano ai cani e fanno il muso, buffo

per gli umani, al muso, muso e basta, dei pesciolini. Uno di quelli che

a volte non t’aspetti. Un ricordo desiderato al fondo e mai espresso

perché non di ricordi vive la durata, anche se manca la presenza

e la mano illegale, mai legata, per non accelerare l’abbandono,

avvenuto nonostante, con la leggerezza cocente e amara

di chi concede giusto per favore – in fronte al delirio di preghiera quale

farebbe saltare il banco – l’ultimo espresso, senza bagagli, l’ultimo

espresso, carnale, senza un dopo, senza caffè.

 

[…]

a volte non t’aspetti [    ]

Annunci

7 thoughts on ““Vuoi un caffè?”..”No.”

  1. Beata te che riesci così a fondo a entrare nelle vite altrui… un vero angelo d’ascolto… la via della porosità è dura e sconvolge… immagino che tu avverta in te malia quando questo “altrui” ti invade…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...