corridoi

La bellezza degli occhi è che non

possono registrare. Tutto

è unico e irripetibile. T’ho pregato:

“E guardami”. Hai accennato. Guardato.

Ho visto l’uomo e la persona. Tutto

unico e irripetibile. Ricordare in

parola è già altro. Impercettibile

alla coscienza tutto l’unico e

irripetibile. Ho un patto

a vista adesso. Lo manterrai?

Hai un patto negli occhi.

Unico. Irripetibile. […]

A chi

crede che s’apprenda per

passi di parola; è tutta colla

tra una pagina e l’altra.

La legatura delle ossa,

l’evoluzione delle palpebre:

unica. Irripetibile.

La bellezza è che non posso registrare. Se tu ti vedessi

avremmo un subito, necessario, inequivocabile, sviluppo

che salta tutti gli stadi dell’apprendimento; e ogni misura.

[…] T’ho pregato “E guardami”. Hai accennato, poi

guardato […] Non si arretra; non arretri;

nella conoscenza; unica e

irripetibile. Ho visto l’uomo e la persona. Fanciullo,

credimi.

 

Annunci

19 thoughts on “corridoi

    1. in loro stessi lo sanno
      ma non sempre ci si apre
      e questo è dei fanciulli quanto di noi adulti
      se riusciamo a toccare le corde dei flussi vitali ci sciogliamo e la musica va…
      ma sono percorsi ininterrotti e da rigenerare continuamente

      a volte vengo meno, io stessa. è come trovarsi in un vicolo cieco che passa per lo stomaco. Poi cerco nelle mie viscere cosa amo, come amo io stessa la vita e so che lì c’è qualche trucco senza inganno che può fare da chiave

      poi non lo so…

      mai mollare; questo è certo. Mai mollarsi.

      sogna bello, Giorgio

      devo leggere ancora il tuo articolo e penso lo faccio domani che avrò un paio d’orette al mattino prima di scuola

      ora cerco di riposare con un po’ di musica

      Liked by 1 persona

  1. L’iniziazione allo sguardo…salta ogni tappa pedagogica, ogni monito…si fa calore di condivisione per un’avventura comune : Il lavoro puro e bello della crescita. Quanta dolcezza in questa tua, Dora

    Liked by 1 persona

    1. non tanto tenerezza mia, ma osservazione e riflessione, prima, su come muoviamo lo sguardo, e su come sia necessario un ‘fronte fronte’ degli occhi, spesso
      poi che mi intenerisco sta nella dimensione più personale, ma quello, forse, non va nemmeno fatto trasparire
      buondì e grande NAPOLI! 😀

      Liked by 1 persona

      1. Ecco, son d’accordo lo sguardo “fermo” fa la persona…e l’intenerimento che di sensibilità è figlio ne viene di conseguenza…e, certo, va tento per sé…ma è giusto che si avverta nei tuoi versi…Callejon!!!!!…

        Liked by 1 persona

  2. “Ho visto l’uomo e la persona. Fanciullo,
    credimi.” ❤
    La magia delle tue parole, Dora cara.
    C'è una musica rara e perfetta in "Hai un patto negli occhi" e c'è intensità profonda "su come sia necessario un ‘fronte fronte’ degli occhi, spesso"

    Dora mia cara grande e "minima"
    Tu mi meravigli sempre

    :*
    gelsucciab

    Guardiamo con i nostri occhi la nostra lucciola che è chiaro e scuro…

    Liked by 1 persona

  3. Tutto è unico e irripetibile. Un momento una situazione, una giornata in classe, una risata: cosa rimane nella memoria se non il senso profondo, meraviglioso di quell’unico irripetibile attimo? Perché la bellezza sta proprio nel fatto che non posso registrare. Ci sto pensando da tre giorni. n caro saluto

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...