il giorno perfetto

ho capito che la poesia non mi serviva quando ho cominciato a

camminare per strada e che me ne faccio del bel canto senza

il canto a squarciagola dentro un angolo di voci, che me ne faccio

senza il giorno perfetto, perché è un giorno perfetto, il cammino

sul davanzale e lei che dice “cadi”, il cammino sul marciapiedi e

lei che dice “cadi”, il cammino e lei che dice “cadi”, e tu che cadi

in strapiombi bellissimi di coscienza, e ho capito “bellissimi” e la

poesia è semplice, e la poesia non mi serviva quando ho cominciato

questo tutto così semplice, ed è un giorno perfetto per dimenticare

la poesia, ed è una poesia perfetta, tra la lingua a schiocco e lo schiocco

dei lampioni, lo schiocco matto dei lampioni, a chi guarda solo

da fuori gli insetti, e ride, e ride, e ride, e rido…

Annunci

23 thoughts on “il giorno perfetto

  1. Par di vederla la scugnizza sui cigli pericolosi a saltellare tra pozzanghere e marciapiedi…viva di vita che a cantarla non basta un ugola ma mille sensi estesi… bello il senso e il tono giocoso…piaciuta tanto, Dora

    Mi piace

    1. non ero io, ma mi piace camminare sui ‘cornicioni’ 🙂

      ti do la buonanotte che sono stanca e mi metto sottocoperta al caldo a rilassare la mente

      ogni tanto qualche scritto felice lo devo a questo piccolo spazio o la vita crolla

      Liked by 1 persona

        1. ah ah! non vedevo per forza una bambina. In realtà pensavo a persona più adulta. E si potevano anche intercambiare i ruoli. Ma i bambini son dei draghi in queste cose: l’è certo
          come gli uccelli d’altronde e altri animali

          Liked by 1 persona

      1. “ogni tanto qualche scritto felice lo devo a questo piccolo spazio o la vita crolla”
        Tu dai sempre scritti “felici”…
        E la vita non crolla con te, Dora, no
        :*
        gelsucciabianca

        Liked by 1 persona

      2. non eri tu Dora, a camminare sui ‘cornicioni’, ma… eri tu anche 😉
        e hai saputo cantare la vita colma in un modo affascinante

        spero tu ora stia riposando.

        Dora bella
        :*
        gelsucciabianca

        a ritrovarci!
        🙂

        Liked by 1 persona

  2. “ed è una poesia perfetta, tra la lingua a schiocco e lo schiocco
    dei lampioni, lo schiocchio matto dei lampioni, a chi guarda solo
    da fuori gli insetti, e ride, e ride, e ride, e rido…” ❤
    apprezzo moltissimo questi versi.

    e rido…
    che bel Canto, Dora
    :*
    gelsucciabianca

    Liked by 1 persona

  3. Lo schiocco mi lascia vertigini. Ciò che mi fa paura (camminare lungo gli strapiombi ad esempio) mi attrae. E quando s’aprono nella mia coscienza…sono guai… strapiombi che cerco anche di arginare con la poesia… per non cadere. Come tutto ciò che scrivi anche questa poesia m’illumina un mondo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...