Capanna (Appunti)

[…] quelle braccia, avvolte, abbracciate alle ginocchia,

scorticate, quelle braccia, rimaste di gomito, c’è una faccia, da

guardare, lontano, c’è una faccia prossima, rimasta a un palmo,

scorticato di freddo, di lavoro, è costituzione, buona e sana,

salute, salvezza, rimpatrio del corpo sul corpo, quelle braccia,

a volte pausa, a volte, dimmi “si”, dimmi “no”, che cambia?

Fossi una sposa t’avrei già sposato, fossi una donna, lo sono:

sana e robusta Costituzione, per terre affini, elette, in uguaglianze

di sesso diverso, di fronte a dio non sono io, di fronte all’uomo

il fratello, e la sorella, e il creato? la rosa ermafrodita macchia di

bianco il muso che annusa. C’è una faccia prossima, braccia e

ginocchia, di gomito, scorticate, corpo terra di lavoro, corpi,

a parlare politico non son capace, a parlare. Fossi una sposa vi

avrei già sposato, nullo escluso, nulla, ogni giorno eletta

la libertà. […] Perché mi canti la canzone

così educata, cucciolo? dimentica le strofe,

mentr’urli al mare, rifai le strofe, dobbiamo scegliere,

sai? Bambini scorrono sconfinati orizzonti

dov’è la scuola che sa di pane, tutta la fame e

la natura di sfamarsi […]

[…] ginocchia, rimaste di gomito, abbraccia

 

Annunci

39 thoughts on “Capanna (Appunti)

  1. capanna…uovo…postura di nascita…ermafrodito…un sesso espanso a più direzioni nella bellezza oltre generica (la vergine delle rocce?)…tutto trama in questo tuo componimento a disegnare lo sberleffo alla convenzione degli opposti e dei ruoli che ne conseguono…l’unico ruolo è l’umano nelle sue miserie e nelle sue bellezze… nelle sue fragilità a difesa (Capanna) … scrivo annotazioni a ruota libera tra le tue parole…ciao

    Liked by 1 persona

    1. appunti che nascono da alcuni discorsi fatti con gli alunni stamattina (forse abbastanza inutilmente) e poi il mio modo, forse incoerente, di riflettere sull’umano anche come animale politico, sociale, ma a spiazzare tante cose, tante costruzioni, vi è il diritto alla vita

      Liked by 1 persona

      1. è difficile… io provo a comunicare, ma non funziona. Cambio modalità, ma ancora non funziona. E’ come una presa di posizione che a volte hanno gli alunni verso l’insegnante.
        domani provo altro… vediamo che succede
        per ora imparo più io da loro che loro da me e manco lo sanno… 🙂
        notte dolce, Marzia
        t’abbraccio

        Mi piace

        1. “il diritto alla vita viene prima di ogni convenzione o costruzione.”
          Condivido, Franz.

          E Dora ha in lei fortissimo questo.
          E’ in moltissimi suoi versi.
          Apprezzo molto questo lato di Dora.

          🙂
          gb

          Liked by 1 persona

        2. è così, io la penso così
          e possiamo fare o non fare tutte le riforme per tutti i paesi e le genti di questo mondo, ma sono le necessità base che se non tornano non serve nulla
          sono le persone più che le leggi il vero problema, a mio avviso

          Liked by 1 persona

          1. Già una rivoluzione antropologica…profonda…redistribuire risorse abbattere confini….sentirsi davvero parte di un’unica specie tra le specie un sogno? Non lo so…sono anch’io stanco di formule e parametri ideologici

            Liked by 1 persona

            1. “sentirsi davvero parte di un’unica specie tra le specie un sogno?”
              Scrivi Franz.
              Come vorrei che questo non fosse un sogno.
              Sapessi quanto io non ne posso più di “formule e parametri ideologici”
              gb

              Liked by 1 persona

          2. So bene, Dora, che tu la pensi così.
            Ne abbiamo anche parlato.
            “sono le necessità base che se non tornano non serve nulla”
            Dora cara, concordo concordo concordo con te.

            :*
            gb

            Mi piace

        1. Sì, è “coltivare” con cura il mio ricopiare i tuoi versi, Dora cara.
          E’ farli penetrare in me più totalmente.
          E’ “riempirli” di mie riflessioni e suggestioni

          Sì, ci siamo già confrontate su questo ed erano d’accordo, sì 🙂
          gb

          Liked by 1 persona

  2. “Perché mi canti la canzone
    così educata, cucciolo? dimentica le strofe,
    mentr’urli al mare, rifai le strofe, dobbiamo scegliere,
    sai?” ❤
    Rifacciamo le strofe, sì.
    "Fossi una sposa vi
    avrei già sposato, nullo escluso, nulla, ogni giorno eletta
    la libertà. […]"
    Eleggere la libertà ogni giorno…

    Ricopiando i tuoi versi, tu sai cheli faccio divenire miei
    E ricopio quelli che più mi colpiscono.

    Dora cara
    :*
    gb

    Liked by 1 persona

        1. Lo so, mia cara.
          Poco fa ti ho scritto sulla condivisione. 🙂
          E voglio dirti che “Capanna” è il titolo giusto per questo tuo Canto.

          Dora cara, spero riuscire a dormire bene questa notte. Sogni di danza.
          La baia è una “capanna” rischiarata e guardata dalla nostra stellina-lucciola
          :*
          gb

          Liked by 1 persona

    1. si, ti comprendo… Ci sono creature che mancano, anche se in noi sappiamo che la loro vita continua, nella nostra, e in qualche forma diversa che non riusciamo a comprendere
      ti riabbraccio forte
      Notte…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...