Scrivere (4). Sono solo una sporca poeta

sono solo

una sporca poeta che continua a cantare sui cadaveri che piange.

dio mi perdoni per questo. La mia voce non ha pace.

cosa me ne faccio di dio se sono solo una

sporca poeta che continua a cantare? cosa

me ne faccio delle lacrime agli occhi,

la sporcizia dell’umano che sono, senza pace; ma

la gioia,

pure, d’una visione d’amore, di quel bimbo che piange, lo vedi?

sono solo una sporca poeta, che ha dio, dove gli occhi sono toccati

dalle cose, dalle creature, dall’amore fuori, e sono solo sporca

senza poesia d’aggiungere, oggi, per tanta genesi che, benedetta,

non appartiene al verbo, né alla carne che ha generato, ma

alla vita stessa, sporca di sangue su sangue vivo, e

tutto il canto

senza poeti, tutto il pianto senza poeti, tutta la vita senza parole,

tutta la vita, stessa, lo vedi

con gli occhi, lo senti, senz’occhi, lo senti?

 

Sono solo viva

d’altra vita, oggi

Annunci

32 thoughts on “Scrivere (4). Sono solo una sporca poeta

    1. “poetessa” è come ridondante, mentre mi basta “poeta”, più essenziale, e con una ‘a’ finale che mi lascia già un senso di femminile nel maschile.
      Conta il genere in chi scrive, ma è così netto il genere? prima del genere riconosciuto al di fuorì c’è la natura e nella natura l’integrale e l’alterità
      Mi sta bene ‘poeta’, dunque.
      Poetessa non lo amo come termine

      Liked by 2 people

    1. mi piace lo sporco naturale che ci portiamo addosso quando si nasce: che, poi, non è sporco, ma siamo noi che lo chiamiamo, semmai, sporco.
      Aggiungici che per me si nasce senza peccato.
      Ma per ‘poeta’: sporco diventa il poeta in accezione negativa se la sua poesia si limita solo a far poesia. Io la sento così. Poi, però, la poesia stessa, quella della vita, lo può toccare e lo tocca: vedi il bambino che nasce e ti insegna come si piange e si canta prima d’ogni parola che cerca di spiegare, giustificare o condannare o nulla, le azioni umane

      Mi piace

  1. Ricordo hai detto che con la poesia bisogna sporcarsi le mani…come il pittore straziato dalla ricerca della luce e del colore si sporca di terra e d’ocra, ma pure di immagini impure se sono la strada per dirci la sua visione…questo commuove chi vede e legge…In questo senso, e lo dico pure a Marzia, condivido l’aggettivo “Sporca”…

    Liked by 1 persona

        1. penso diciamo, dunque, qualcosa di simile
          vado a cercare un tosatore che, come si dice dalle mie parti, il mio m’ha misteriosamente ‘appiso’. Non so in quale parte del mondo sia e mi sta vacillando una certezza quotidiana 😦
          buon sabato, Franz

          Liked by 1 persona

            1. se ce la faccio domani ne scrivo un articolo a testimonianza di realtà che resistono ed esistono in questo nostro paese. E a testimonianza che nulla è a casa, manco la scelta del parrucchiere. Ma non so se ce la faccio. Vedrò domani.

              Liked by 1 persona

  2. “una sporca poeta”, sì ❤
    credo di aver colto i vari sensi del tuo "sporca"
    e concordo con il tuo usare "sporca"
    e mi viene emozione proprio da come tu ti consideri "sporca", "sporca poeta"

    a ritrovarti, Dora cara
    :*
    gb

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...