l’amore che dorme con gli occhi

 

Attendo l’alba. il ciglio bianco. poi

l’aspetto

nel sonno fa l’alba. mentre l’

attendo. dal buio. sottilissima lamina, a pelle,

basso continuo d’apparizione. Non toccare

 

l’amore che dorme con gli occhi.

Attende l’alba dagli occhi, la notte in bocca

buco nero di galassie di latte, la materia molle

della lingua letargica. La liturgia del riposo

 

ha l’afflato muto dell’addome, una voce di

sax custodita nel pube, il silenzio di tutte le trombe

nell’ultima coscienza innamorata alla vita, prima

di cedere alla fede del sogno, all’oblio del terrore

 

che d’alba il canto

d’uccellini non viene

Annunci