che fu il freddo a vestirlo (Appunti, 11-12/9/2016)

[…]

ricorda al corpo che fu il freddo a vestirlo […]

che il sonno è un altro modo di stare svegli […]

ricorda ai cuccioli che piangono anche i grandi, ma

quando i grandi piangono non sono più cuccioli, o

ritornano ad esserlo, qualche volta; ricordati;

di correre senza tempo, sosta nel cavo

dell’albero se hai troppo domani e

la paura che non ci sia, prendi il suo abbraccio, antico d’oggi,

portalo con te come forza d’altra carne, dura tenera esposta e

secreta nella luce, nel tempo, nel vento, nell’onde, di viaggio e radice,

come la tua, diversa […] impollinarsi d’essenze […] un vibrato di creature

solidali a migrazioni di […]

Quel giorno quando mi siedo, accovacciata,

ricettacolo d’ombra, infiorescenza di luce,

piccola in un angolo ancora più piccolo e

sotto il cielo, alta appena da toccarlo, così

alta da toccarlo dove il vuoto fa altro cielo

e anche lo Spazio, comprendo, ha un ventre grande

per l’accoglienza, la tenerezza, la vita […]

Quanti tagli per (r)esistere rotta,

di respiro, quante fesse sulle carni per

capire come cerca le acque il calore

salate, il sudore, nel sangue

mareggiato a quiete e tempesta di

memorie secolari […] pianto e canti

qui tutte

le voci, tutti i volti, affidati al vento,

e qui, sulla scogliera, isola di cosmo, l’

eco integrale senza tregua, d’ogni prossimo

arrivederci

[…]  ricorda al corpo che fu il freddo a vestirlo […]

che il sonno è un altro modo di stare svegli […]

ricordati di correre, correre, inciampare, piccolo,

tra le braccia d’altre vite, nel sorriso del dolore

[…] l’accoglienza, la tenerezza […]

[…]

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

42 thoughts on “che fu il freddo a vestirlo (Appunti, 11-12/9/2016)

    1. “…………………………..,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,così

      alta da toccarlo dove il vuoto fa altro cielo

      e anche lo Spazio, comprendo, ha un ventre grande

      per l’accoglienza, la tenerezza, la vita […]”

      “ricordati di correre, correre, inciampare, piccolo,

      tra le braccia d’altre vite, nel sorriso del dolore

      […] l’accoglienza, la tenerezza […]” ❤

      E il mio non scrivere mie parole è un altro modo per dirti quanto questo Canto scorra in me

      gb

      Liked by 1 persona

      1. scorre e corre anche in me.
        quand’ero bambina, molto piccola, avevo l’abitudine di accovacciarmi in qualche angolino, magari accanto al divano, e immaginavo, e giocavo, e viaggiavo, e tante cose
        poi si cresce. e non si sa dove sedersi a quel modo. Poi dall’altra parte […]
        sei dolce, ‘piccola’ Gelso
        quante cose dimentichiamo ogni giorno.
        Abbraccio, bella
        con un tenero sorriso
        ciao

        Mi piace

        1. Anche io sognavo tantissimo accovacciata dovunque, soprattutto in un angolo tra i libri di mio padre che mi nascondevano e viaggiavo e avevo avventure e lotte e carezze.
          Anche ora sogno e viaggio. Guardo il cielo e mi sento sua parte e vado anche oltre il cielo…
          La piccola Gelso è rimasta in me anche se anni sono passati.
          E la piccola Dora è in te, mia cara.
          Noi umani siamo stupidi davvero. Dimentichiamo troppo e non parliamo quasi mai con colma sincerità, con la più aperta sincerità. no…

          Tenerezza… che bella è la tenerezza
          Un dolce tenero sorriso per te
          gb

          A ritrovarci, sì.

          Liked by 2 people

  1. Nel cavo dell’albero, a ridosso delle radici…Alice non insegue più il coniglio che la veicola nel mondo dei sogni, ma, nella sua tana di natura cerca il punto d’origine dove nascono i sogni…come l’enfant sauvage non si chiede come si chiamano le cose, semplicemente le vive.

    Liked by 1 persona

    1. Tornando dal cantiere con l Amante Bianca incontro la pioggia a ridosso di uno dei primi, se non ilprimo, treno che percorse un po d Italia
      Putto caso, per non dire diamine, si aprisse una voragine, ovvero un pozzo all acqua di mare, diventerei di colpo ingenua come Alice e mi berri che quei mici laggiù sono conigli?

      Liked by 1 persona

      1. Quando ti accovacci tutto può accadere…ci pensa la tua mente fertile e spaurita a scovare anfratti imprevisti…e poi sotto la pioggia tutte le cose si trasfigurano. Non escludo nulla… 😀

        Mi piace

    2. Tradotto: Stongo sott”o chiovere, e me sto facenn o
      d evera e acqua pazza

      Buona serata, franz

      Non sarò mai Alice, caso mai un alice, ma svitata ci sto di lucido

      Natura chiama io rispondo
      Di pioggia nacqui e il ritorno all origine è compiuto

      Liked by 1 persona

      1. ah ah ah….accorta a nun te fa fa ndurata e fritta…ah ah ah….comunque questo dissi…Chi s’accovaccia vigile e sognate non è Alice…forse un tantino Amelie…quella che dalle cose piccole costruisce mondi…. 😉

        Liked by 2 people

        1. giusto per coerenza e continuando il giro, realissimo, passo accanto a una porta di solito chiusa, oggi aperta, ci penso un bar e ci scopro una piccola sala da teatro con dei giovani all’opera

          penso per oggi sia abbastanza.

          Liked by 1 persona

                1. credo siano un gruppo comunque ben avviato e con una loro storia e un cartellone già pronto
                  Io sono anni e anni che non pratico la danza in pubblico
                  poi sono scelte personali e la mia scelta è di stare un po’ a lato, piuttosto che addentrata

                  Liked by 1 persona

                  1. si, un giretto, a mo’ di satellitine intorno alla pulsante e poi a nanna 😉
                    notte, bella
                    vado a riposare, sprofondare un po’ in me, zitta zitta, buona buona
                    segui la rotta… ci si ritrova..

                    Mi piace

                    1. eh sì, la “pulsante” ci chiama, ma io le ho detto che abbiamo sonno e siamo stanche

                      silenzio

                      notte dolce serena per te, cara Dora
                      ci si ritrova, sì

                      a.

                      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...