Ascoltando S.

Miele,

ciframi bocche, a lingue dolci, labbra

punte, d’avori, mandidi, acri d’arancio.

 

Premi a essenze di perle rosa, antico,

tramonto in colline deflorate a notte

dei colori, fiutati, di stille, d’argento,

 

in riverso stilo, opulenta, suggo,

ebbra di fiati, Pierrot(ta) lunaire

 

Ha un viso fosco

la luna

di no(t)te

 

d’oscuro incerato

 

fra sciabole

falene

di (s) seta nera a

battiture venali

 

Annunci

18 thoughts on “Ascoltando S.

  1. “in riverso stilo, opulenta, suggo,
    ebbra di fiati, Pierrot(ta) lunaire”

    Che meraviglia, Dora!
    Ascoltando Schönberg.

    “Un fantastico raggio di luna” accarezzi il tuo viso.


    gb

    Liked by 1 persona

      1. e questo tuo canto mi piace sempre di più, sì.
        e voglio dirtelo.

        io non ho il mare vicino a me purtroppo.
        il rumore del mare è in me ovunque io sia, Dora cara, però.

        per fortuna davanti a casa mia c’è un parco.
        così guardo dalle finestre e immagino di essere altrove

        notte buona con tante luci lievi che danzano
        oh, è splendida questa danza solo per te
        a 🙂

        Liked by 1 persona

        1. spero coi miei componimenti di riuscire, talvolta, a farti arrivare un po’ del mare che ho qui vicino…
          io respiro dei tuoi fiori, di cui mi hai detto in questi giorni

          c’è un tipo di fiore che ami e che potrò, poi, piantare nel mio giardino, cara? dimmi…

          Mi piace

          1. oh, amo i fiori più piccoli, di campo, quelli che non hanno quasi un nome.
            noi due daremo a questi fiori un nome bellissimo, un nome colmo di colore
            e il sole ritirerà i suoi raggi più caldi per non farli appassire troppo presto
            e la luna li guarderà e canterà loro una ninna nanna

            Dora cara, il mare mi avvolge con la sua spuma, la sua musica quando ho in me l’emozione dei tuoi canti “minimi” bellibelli. ❤
            grazie.

            con affetto
            a:)

            Liked by 1 persona

            1. mi piacciono i fiori di campo, mi richiamano ricordi di quand’ero bambina 🙂
              in quello spazio di terra un tempo davo il nome ai piccioni …
              vedi che bello dare il nome.. è un modo per riconoscersi e farsi riconoscere pian piano

              che le onde ti cullino stanotte e ti portino in quel posto magnifico di cui mi hai raccontato

              io riposo buona buona

              baci
              d.

              Mi piace

              1. dare il nome è bello bello
                è un po’ come innamorarsi (desiderio di riconoscersi e riconoscere e farsi riconoscere)

                e ti racconterò molto di più di quel posto magnifico in Asia
                vedrai che riuscirò a fartelo “vedere” e “sentire” e ti verrà il desiderio di essere lì

                riposa buona buona
                ti abbraccio, Dora cara cara
                a:)

                Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...