Se rinasco, domani, è di foreste vergini

A loro, che andando restano.

“Vengo con voi. Ovunque siete. In ogni cosa animata a contatti di pensiero. Riconoscere il limite: a cosa serve? Vengo con voi, dove l’azzurro mare e l’azzurro cielo fanno unica corazza, che ci protegge, dall’ignoto delle trasparenze, troppo profondo da farsi abisso tra le pieghe carnali d’ogni mente. Vengo con voi, nel canto d’un tempo, quando c’era un canto per il mio corpo bambino e glossolaliche amorevoli smorfie. Vengo con voi, quando c’è quel silenzio più dell’umano silenzio, e non ho orecchie per ascoltarlo, solo un fondale muto di cuore, la memoria d’un ventre, l’estremo fuori, oltre il mio sguardo; una permanenza tiepida di sagome senza più lamento; quanta dolcezza in questa pace naturale, a me innaturale se non accetto l’ossessione d’eterno per la coscienza che resta, convinta di restare, lasciata. Vi porto con me, domani, che rinasco, come ogni giorno, e non ricordo la nascita, il pianto che dice l’avvento e la perdita prima delle radici.  Viviamo in questo mondo separati; forse solo apparenza questa separazione, anche se non basta la religione o ragione a dirci che di sola apparenza è la separazione, creata appena per riconoscerci in questo mare unico d’unico ventre spogliato da ogni uniforme e da ogni distinzione. Ri/membrare. Non so pensarvi al di fuori del mio Corpo Animale. E’ forse questo l’appartenerci fuori limite? Questa membrana di membrane che respirando contiene e risuona ogni memoria? Memoria del trascorso, del presente passaggio, del futuro (vedo i miei figli nascere, ogni giorno, mai nati). Siamo foreste vergini, e non sappiamo di questo essere, così legati al ramo e alla sua recisione. In quest’oblio: il dolore d’ogni perdita.

Vengo con voi, ovunque siete. sono.

Vengo con voi […]

Se rinasco, domani, è di foreste vergini.”

Annunci

31 thoughts on “Se rinasco, domani, è di foreste vergini

  1. ero per strada… e questi pensieri… giorni ‘nuovi’… per il modo particolare in cui ci si avverte mutare in certi momenti, anche nell’ascolto. solo per questo, nuovi d’arcano, senza nostalgia. Come un istinto, forse, a salvarmi dai miei limiti, quelli che mi tengono spesso dinanzi a una scacchiera di cui non so più muovere le pedine perché ne avverto un senso umanissimo di inutilità… ma oltre i miei limiti accadono questi pensieri, non so come chiamarli, e oltre limiti che non sono solo miei. Troppe assenze in questi giorni, troppi ci lasciano, troppi lasciti che sembrano nulla rispetto al tatto. O troppi non nati, che mai nasceranno, ma anche quelli li senti e com’è possibile? Ecco, mi son persa, non so cosa volevo dire, ma nulla aggiungere a quanto su scritto, o torno nel mio limite. Se potessi, ora, mi siederei sulla riva come fosse alcun senso di finito o d’infinito, manco a danzarlo, solo seduta, e questa strana percezione di non essere, in fondo, davvero mai soli, ma colti in un biologico respiro che fa un’unica avvolgenza.
    Aah, perdono, davvero sto in de-lirio di sanità… è acqua buona, che denuda la mente dalle sue inutili concezioni, forse, si, voglio pensare sia così
    Un caro saluto, amico, e l’augurio per una giornata in gran senso di pienezza per te
    non rileggo che ho da mollare questa postazione ed affidarmi al tepore della stella solare, mentre il vento fa il suo corso sfumando dal viso tutte le espressioni troppo imbellettate che sfioriscono l’essenziale…

    Liked by 1 persona

    1. ciao! rieccoci! per me, non te ne sei mai andato; le belle presenze non si misurano mai dalla loro assenza

      si, foreste vergini, col loro corpo pregno d’esserci e d’essere… un’essenzialità particolarissima. Forse siamo ‘foreste vergini’, ma non riusciamo a comprenderlo ingannati dall’evidenza di certe mutazioni specifiche del nostro corpo precario, come lo pensiamo precario. Non so

      buona notte e sogni bellissimi per te
      a presto

      io forse edito un articolo, poi mollo la postazione e mi organizzo qualche lettura al comodo (della serie: disposta a crollare di sonno su un buon libro)

      Liked by 2 people

          1. ho sbagliato io a vestire d’improvvida leggerezza i tuoi bei versi…ma lo stato di profonda prostrazione mi spinge a volte a tentare giochi lievi…ma è giusto ch’io mi voglia immaginare foresta di pietra per rinascere insensibile ad ogni attacco della vita bastarda.

            Mi piace

            1. non è colpa tua. oggi davvero e stata per me una giornata particolare e io non sono roccia, nel senso che non reggo sempre, pure mi sbriciolo a volte e mi faccio pioggia. Ma in quello è una forza. nella pioggia. lo so. e mi battezza le ossa.
              scusami. davvero.
              coraggio, te ne prego, per te stesso. Non volerne a me se proprio non so’ d’acciaio.

              Liked by 1 persona

              1. un tantino svogliata….ma capita quando si è arravogliati nei propri giusti problemi…non te ne voglio. Comunque a me le foreste vergini non piacciono. Amo le radure petrose

                Mi piace

                  1. Niente…non mi ci ritrovo…esprimevo solo un sentire diverso. Le foreste vergini sono impenetrabili e invivibili per l’umano. Le radure consentono comunità e solitudini lunari…è un’immaginazione diversa dalla tua questo è tutto…poi si me la sono presa per la risposta brusca ma tu non ami interloquire con me su questa piattaforma…forse perché ci incrociamo in ora tarda e hai perso ogni verve…sulle foreste vergini invece penso quello che ti ho detto: è un’immagine che non mi prende, ma l’accetto (ci mancherebbe). Un abbraccio senza rancore dal Tarzan che ti ha fatto incazzare. 😀

                    Liked by 1 persona

                    1. è solo che non devo essere molto comunicativa stasera.
                      Comunque non parlavo di vivibilità, e in ogni caso non mi interessa ragionare solo dal punto di vista dell’uomo. Non siamo le uniche creature. (oltretutto potrei dirti che ci sono abitanti umani di certe zone, forse a noi ‘cittadini’ precluse). Ma il discorso mio era un po’ diverso. Poi amo anche la rocciosità lunare, non ho detto di no.
                      scusa comunque.
                      io non sono una chiusa quando mi si commenta. Con nessuno. Manco con te. Mi scuso se appare così. Sono stanca. Capita.

                      Liked by 1 persona

                    2. se vuoi attacchiamo bottone sui “tristi tropici” e tutto quello che vuoi sulle tribù dell’Amazzonia e sulla loro vita beata lontana dal caos urbano. Io scherzosamente intendevo (giocando) dire che se tu rinasci foresta vergine mi farò Tarzan per venirci ad abitare. Ma visto che non ci vuoi nessuno meglio la radura petrosa….ecco

                      Mi piace

                    3. giocavo sempre in porta, da bambina, coi miei cugini e i miei fratelli, ed ero bravissima
                      scusa per ieri sera, ma è risaputo che sono una pessima persona, perché qualche volta non riesco a essere la perfezione che tutti vorrebbero, la forza assoluta, come se si potesse essere forza ‘assoluta’.
                      Mi dispiace.
                      buon fine settimana.

                      Liked by 1 persona

                    4. Non ti chiedo “forza assoluta” Nessuno può chiedere ad un altro perfezione, sarebbe follia. Solo pazienza su sfumature che nei tuoi confronti non saranno mai aggressive. Perdona il mio istinto alla leggerezza. Ma credimi è quello che mi salva. Un bacio

                      Mi piace

                    5. forse è che sentivo ancora troppo il momento e la situazione in cui avevo scritto l’articolo e non riuscivo a metterci leggerezza, ma delicatezza, caso mai. Ma mi rendo conto che tu come potevi sapere cosa mi accadeva o passava per la testa e nella vita.
                      Perciò, a volte, preferisco considerare staccata da me una volta che ‘si lascia’ la scrittura. Così evito di essere antipatica.
                      Buona giornata, Franz
                      io mi do l’ora d’aria 🙂

                      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...