La possibilità della ‘non morte’

Se trovate errori è perché ci sono andata di getto

<<Recupero oggi un vecchio testo. Non lo amo particolarmente, e va considerato il fatto che io non sia ‘cattolica’ (o d’altro credo, o…), quindi ogni mia riflessione rispetto a visioni anche ‘religiose’ (?) va presa con la consapevolezza di questo. Non mi voglio dilungare su quale sia la mia idea in merito alle religioni, magari un altro giorno, in un altro articolo, se mi verrà di farlo. Perché recuperare un testo che pur non amo? Perché diventa per me l’appoggio su cui m’è venuto oggi questo pensiero che vi scrivo senza troppo organizzarlo. Pensiero rispetto alla natività? all’avvento? Intanto ve lo segno:

“Pensavo: a tutte quelle madri, e quei padri, che non hanno rinunciato, non rinunciano, a concepire figli, nonostante sappiano quanto potrebbe essere difficile la loro vita, la loro vita ‘dove’ avvengono, dove abiteranno o, forse, dove non avranno nemmeno terra da abitare, ma continua fuga, e sempre terre altre e mari altri da abitare, ma corpi da abitare, corpi tra corpi. A tutte quelle madri, e quei padri, che nonostante sappiano quanto potrebbe essere prossima la morte, ogni giorno, quanto prossima, per fame, malattia, o anche solo per una natura che non governiamo se non in arbitraria misura, […] A tutti coloro che sanno la prossimità della morte, ma anche la possibilità della ‘non morte’ in quel limine che separa ancora l’umano dall’inumano (mi verrebbe da citare Levinas, ma non amo mai far troppe nette menzioni)…

Ancora un pensiero: alla piccola Arianna, nata da poche ore, e a quell’altro angioletto che le sorride dall’alto; a loro e ai due splendidi genitori che hanno desiderato donarli al mondo e prenderne dono; a loro e a Titina, la cagnolina, che già conosceva la maternità, una paternità un po’ diversa, e poteva riconoscere la creatura nel ventre umano e proteggerla prima d’ogni avvento.

Un pensiero: ai miei piccoli e ai tanti ragazzi, sempre ragazzi per me, un po’ figli miei, sparsi per il mondo, con le loro vite, che spero abbiano trovato modi, inventato i loro modi diversi di agire tra gli altri, di comunicare, di fare, e che spero siano migliori di questa minima madre a cui, tuttavia, non manca, non toglietemelo e perdonatemi, uno sguardo d’amore. E la mia promessa alla terra, al cosmo, è ogni giorno, di riuscire ad essere solidale con i suoi moti, con le sue genti, con ognuno, io che non sempre ci riesco a concepire nelle giornate come le trascorro quelle rigenerazioni che vorrei. Non mi manca il sorriso, ma abbiate pietà se qualche volta capita anche a me di non sentire il natale, non oggi, non ieri, non domani, ma nei passi sempre, anche nelle soste magnifiche di fronte alle bellezze che nemmeno sappiamo come siano possibili tanto belle e che io nemmeno mi chiedo come siano possibili tanto belle…>>

 

LA GRAVITÀ DEL VERBO

E le toccarono in sorte
la vera porpora e lo scarlatto
del papavero colto senza strapparne lo stilo
né mescolando di pece e pioggia i semi al ventre

mentre in un giorno dei giorni la sorprese
nel segno d’un ovale candido
presto al rugoso, ma di velluto e
senz’ancora pelo nel boccolar d’incenso:

la gravità del verbo,
assenza d’un mistero da svelare
nell’affermazione già fecondante il grembo.

E venne
l’urlo tragico d’una morte non morte
dove il compianto ha fine nel dolore solitario dell’umano, ma

la com/passione si scioglie – è nel rinnovo
battito
nel petto vergine di madre incarnata nella donna –

al soffio d’una solarità inesausta
del plesso trapassato; ritorno del bambino,
di porpora e scarlatto, dell’uomo, nel divino

….

 

d°’

Annunci

4 thoughts on “La possibilità della ‘non morte’

  1. “la com/passione si scioglie – è nel rinnovo
    battito
    nel petto vergine di madre incarnata nella donna –”

    E' bellissimo il tuo canto.
    "e che spero siano migliori di questa minima madre a cui, tuttavia, non manca, non toglietemelo e perdonatemi, uno sguardo d’amore."
    Oh, Dora. ❤

    Torno, cara, con più tempo.
    Con affetto
    gb

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...