Pietra lava me a mare

<<un periodo di grande stanchezza, succede. Lo combatto cercando ristoro tra i luoghi cari appena posso. Si può amare un uomo, una donna, il corpo di uomini, donne, ma personalmente vivo la natura non umana come un godimento, una pace speciale per i sensi che quando vi si immergono, coinvolgono, …

Versi impuri… perfettamente…>>

….

Negli strati di una memoria immemore,

tra gli anelli del corpo, l’emergenza

dell’antico, del non oblio, si scopre

per sottili echi, precarietà di

tutto ciò che non svanisce, ma muta.

M’urgeva oggi un canto alla mia terra,

m’urgeva un canto alle migrazioni

che l’attraversano, m’urgeva star

seduta lì, per un lasso, in un angolo

di cosmo; le correnti della Storia

(questa beffa nota e ignota), del

quotidiano (precario, incrostato,

magmatico), di vita naturale,

innaturale, mostruosa. Osiamo

un contatto fisico, spirituale

lento, lentissimo, dentro: un angolo

di penombra, sia una camera oscura,

il tempo è nostro. Nel sole cocente,

riavvolti, penetranti, pura carne

viva, il tempo è nostro. Su una rupe

forte e sospesi verso uno spazio

immenso, vuoto, noi nel vento, il tempo

è nostro. Lasciai stanotte il tepore

sfumare al vento di passione che

evocasti, affidandolo al tuo sogno,

perché all’alba fosse più dolce con

nuovo tocco risvegliare di piuma

il tuo involucro animale, ogni piccolo

punto seguendo e assecondando

le sue vibrazioni nell’abbandono

docile e nel dono. Ogni curvatura

chiede di piuma indugiare, seguire

la calda forma e rendere malleabile

dolce accoglienza la presa. Perché

l’animale ha bisogno di dita

che respirano della pelle appena

sfiorandola, ma anche di contatti

accoglienti dove la vibrazione

si fa più piena, fortemente intensa,

nondimeno morbida, rilasciando

tutto fuori d’ogni potere. Cosa

credi si celi nel velo d’amore?

un altro velo, mio caro, l’amore

è un gioco per corpi puri, io impura

mi lego solo alla terra selvaggia:

io pura di gioie tramonto al giorno

come affonda nell’inguine del mare

senza mai lunghe morti. Tra le carsiche

scosse, fragore di sbalzi: d’umore

ventrale affonda calmo in quiete.

Il corpo è un fuoco che chiede soste

al dolce morso nella nuda pelle,

alimento salmastro per la mia

sete. In spire tu parli di lingua

straniera ad una lingua straniera,

coinvolgendo i sensi a ogni ambigua

sostanza, ma lo vedi come danza

già il rumore del tempo perduto

a scrutarci senza ascolto di vento

come al collo chiedeva soltanto

premure di molli carezze tra

lingue già piume, e piuma mi faccio

per sciogliere il laccio che al corpo

sostiene le sfere giù al corpo; tienimi

addosso, ad esso, senza sogno o

rimorso, toccami l’osso: di pelvico

nel gorgo più puro. Ora colare

ti voglio, ‘sì senza premonizione

mentre risalgo la vita scorrendo

al monte di pietra gola di lava,

matura: lingua incandescente. Se

trovi un segno di cenere, ancora,

stamane: ungiti carne, tagliami

valichi a ogni nuovo desio, saprò

tornare, di speme bianca,

bianco velata  a neve.

Fammi tornare, di sperma bianca,

bianco velata  a pelle

….

d°’

 

 

Annunci

4 thoughts on “Pietra lava me a mare

  1. Dora canti alla terra, la nostra terra ed il tuo corpo si fa terra di carne in essa immerso, come di pelvica lava e di puma d’etere solleticante i sensi più profondi…come la nostra terra vulcanica che rugge rugge senza distruggere eppur è li, calda e accogliente…bellissima…

    Mi piace

    1. è “terra mia”, come dice la canzone, ma è anche ogni terra, ovunque accade di sentirsi abitare. Quello era il senso che pensavo per il componimento.
      E penso il fatto che “terra mia” sia anche una terra di passaggi porta a questo mio pensiero. Non so.

      Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...