D’amore, d’amore fraterno, e altri racconti

….

Commuoversi di se stessi, col singhiozzo che ti rimbocca il collo.

Vorrei mi raccontassi ancora quelle favole della notte, e tornare

ad avere quelle piccole illusioni che alimentano i sogni di realtà,

ma dovevi dirmelo che il lieto fine è pur sempre una fine e bisognerebbe

imparare a raccontarsi di nuovo quelle favole di giorno, quando hai l’aria

stanca su ogni incertezza e i capelli di ghiaccio da sciogliere al sole sono solo

l’inverno che spacca le mani e la bocca scoperta senz’altra bocca. So di viola, lo so,

ma mi scordo di me, mi disaccordo a ogni suono, in certi giorni di novembre come

questo in cui ho bisogno d’avere paura e non ci riesco, in cui ho bisogno di te che

mi fai le bocche storte da mostro, forse, l’amore più vero, fraterno, dolcissimo,

finché poi cresci e sono sola anche di te. E faccio ridere lo so, come un pagliaccio

melanconico pittato d’un trucco a festa che non gli appartiene, capace di dar gioia,

ma mai tenerne per se. T’ho guardato ieri dormire:

così lungo nel tuo letto, con quel tuo occhietto da sempre mezzo chiuso e mezzo aperto,

mi sono chiesta cosa pensi nei tuoi vent’anni più qualcuno, mi sono chiesta cosa penso

nei miei quaranta meno qualcuno, qualcuno che sappia ancora ridere di me con l’allegria

sincera che non mi rido io [sono un mostro di gelosia, lo so, quello che nelle favole fa la

fine del cattivo, qualunque corpo tocchi], e forse eccoti qui, sei sempre tu, che se ti

passa a genio mi dai a parlare ed esaudisci in un sol colpo tutte e tre i miei piccoli

desideri [mi hai portato anche la lampada, magica, da Istanbul]; ed hai tuoi sogni

com’io li avevo, alla tua età, e siamo stati fortunati, fratello, ad avere i nostri sogni,

ma io mi chiedo, in fondo, chi è che non li ha? Mi rimbocco il collo e mi vergogno se

oggi ho compassione appena un poco di me. Raccontami quelle favole che mi spaventano

e dimmi che è vero, ch’è tutto vero e non fa male.

….

d°’

Annunci

3 thoughts on “D’amore, d’amore fraterno, e altri racconti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...