Hai messo nei miei occhi

“Penso di essere banale stamattina con questo scritto, ma è liberarsi d’uno strano sogno, portarlo fuori per vederci dentro. Temo non funzioni. Mi hanno messo nella notte le immagini negli occhi, dicendomi all’alba avrei ritrovato tutto, come non fosse un sogno. Non ricordo la faccia di questo ‘scienziato’ e credo non avesse una faccia a me visibile. Un sogno nel sogno, un gioco di sogni, organizzato da qualche beffardo giocoliere d’altri mondi diversi dal mio, come fosse il mio. Ma la chiusa spiazza il personale, perché non so cosa ci fosse in quelle immagini, ricordo solo ombre di corpi, e se non fossero d’amore potrebbero essere di guerra, dolenti, e io alla guerra non parto, se non in difesa dove il sonno della ragione genera mostri.”

….

Hai messo i sogni nel mio occhio, stanotte,

perché li ritrovassi al risveglio, cosi dicevi,

e non è successo al risveglio, ho di cristallo

solo il riflesso dei giorni andati, in retrovia

i coralli d’un mare troppo fondo, dove i visi

la coscienza annega se sol prova lo sguardo,

e non ti conosco se non d’istinto, tu estraneo

mago d’una notte, quasi scienziato quando

mi spieghi possa ritrovare quelle immagini

al mattino, ma non dici il mattino, si vede,

o resta come il sogno, è vero, non lo capisco.

Non chiedere la guerra a questo corpo:

sono obiettore di coscienza per quanto

sogno.

….

d°’

Annunci

2 thoughts on “Hai messo nei miei occhi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...