Info

Rima’ndo al mio primo articolo (14 giugno 2015) :

<<Primo articolo.
Forse.. mi piace dire: prima articolazione.
Presentare il mio blog. Cosa farne?
Scrissi un giorno: “Troppo lieve per/stare, il mare“.
Un blog di versi, certo…
Magari non solo quelli…
Di parola, certo…
Ma: SPAGINARE I VERSI…
Ecco…

 

buon viaggio, Dora


Foto1256

86 thoughts on “Info

  1. Eccomi, confesso che non sono molto bravo a s’paginare versi. Sai, la metrica, le rime…per me è tutto troppo preciso. Io ho bisogno di uscire dai contorni, non so se riesco a spiegarmi. Ma ammiro tantissimo chi riesce a farlo, ad esprimersi con metodo, riuscendo a trasmettere immagini ed emozioni. Esattamente ciò che fai tu.

    Liked by 8 people

    1. in realtà per s’paginare… un po’ gioco in questo termine (?) con l’informatica… ma un po’ più: proprio con la posizione di sconfinamento rispetto alla pagina (…ai codici.. etc) sconfinamenti che possono avvenire in tante modalità diverse e che portano quanto scrivi a non dipendere mai solo da te. Grazie per il tuo commento che ha dato un bello stimolo alla riflessione s’paginante… “Uscire dai contorni”? certo!

      Liked by 5 people

    1. se ‘scompaginare’ lo intendi come un’ ‘apertura’ delle connessioni suggerite tra le pagine che non sia solo slegatura disordinante, ma che dia vita a una messa in movimento delle fila per ri-fare le connessioni e scovarne altre, sì

      Liked by 5 people

  2. forse nel viaggio che anche la parola intraprende: la “diversità” è un qualcosa che si riconosce in quanto tale e predilige un confronto fluido, sia pur burrascoso, mentre la “differenza” ci appare come un divergere di traiettorie tra i cui punti si misura sempre qualche distanza da non colmare: rischio: il condizionamento
    Un saluto anche a te Nico

    Liked by 4 people

  3. Colgo la suggestione di *silviatico* perché era la stessa con cui mi sono avvicinato alla provincia dei commenti: ho letto ‘s’paginare’ e ho pensato ‘scompaginare’. Ed è parola che mi è profondamente cara, perché c’è bisogno, sempre e soprattutto oggi, di mettere a soqquadro le situazioni che vanno calcificandosi. ‘Scompaginare’ ha un significato prevalentemente negativo per la maggioranza delle persone, quando queste ne conoscono o intuiscono il significato, proprio perché porta con sé una sfida che non si è pronti a cogliere.
    La tua sfida, che ancora devo comprendere e che solo una prassi mi aiuterà ad avvicinare, la aspetto al varco. L’indirizzo ce l’hai… staremo a… leggere.

    F.

    Liked by 2 people

    1. se per ‘sfida’ intendi l’azione non negativa e non distruttiva dello scompaginare.. se intendi una fiducia nel ‘viaggiare’ tra le cose, le esistenze, gli eventi, e quant’altro, senza la presunzione di stabilire costruzioni definitive di pensiero, ma mantenendo sempre una posizione d’ascolto tra…
      grazie per il commento e l’interesse. Faccio un giro nel tuo sito: penso di non averlo ancora incrociato

      Liked by 2 people

        1. sono donna. Lo danno un po’ tutti per scontato guardando al nome del sito, ma la domanda ci sta, anche perché per il momento resto in incognito 🙂
          Comunque trovo molto “ascolto dell’alterità” tra i tuoi articoli che ho letto finora e questo mi piace.
          Un saluto e alla prossima

          Liked by 2 people

    1. il problema è che, forse, non è una misura di pazzia, ma è l’interrelarsi delle nostre azioni (o anche inazioni, che comunque hanno un qualcosa di vitale e incidente) a muovere e mutare le vite, gli spazi di vita, di coscienza e incoscienza, e… stavo scrivendo qualcosa, ti dicevo qualcosa, ma ho come perso il filo… non so se anche la logica… forse ho solo un improvviso, manco tanto improvviso, desiderio, di stiracchiare la corporeità pensante su una vertigine di cosmo (o caos?) e ascoltare se i buchi neri fanno rumore, prima della paura.. : sia solo quella del buio, con i sensi che sembrano percepire possibilità… un onirico consistente che non dipenda solo dal sé…
      Buona giornata amico
      Lieto il risveglio nel dormiveglia…

      Liked by 2 people

    1. il suono è forse scioglimento d’ogni parola, il suono stesso è una sua ‘spaginazione’, se vuoi, capace di liberare i netti vincoli del senso, senza rinunciare alle vibrazioni dei sensi tra una corporeità totale, tra il tangibile e il, solo apparentemente, impercettibile.
      Grazie per il tuo passaggio e per il commento Marcello.
      è sempre un piacere fare visita al vostro sito
      a presto,
      dora

      Liked by 3 people

  4. io spaginare lo prendo come sovvertire, spiazzare. tu ti aspetti che una riga finisca, e non finisce. allora la segui utilizzando la barra di scorrimento orizzontale, e intanto ti chiedi: ma come ha fatto?
    e ti piace, oppure ti irrita: e, insomma, ad ogni modo ti intriga. questo per restare alla forma, o alla s’forma 🙂
    dora, eh? vabbuò. 🙂

    Liked by 2 people

    1. ci siamo intesi… eh eh… 🙂
      s/paginiamo, allora, Mariella, e ‘arravugliammo’… ‘sbrugliammo’… (magari la mia grafia non è purissima, imprecisa, ma il napoletano rende comunque… )
      Felice giornata ricca di meraviglie!
      A presto…

      Liked by 1 persona

  5. Mia Lila, anima bella, si, mi piace quello che dici: “rimpaginiamo secondo i codici dell’anima e delle emozioni”…
    anche i tuoi commenti seguono questo andamento ed è davvero un piacere leggerti
    notte dolce, dolce come le tue poesie e le canzoni che ci doni…
    a presto,
    dora

    Liked by 2 people

    1. scusa, Antonio, ma dicevi a me del sito EROSPEA? ‘riprendere a scrivere’ non capisco? chi sei, non credo di conoscerti. Ho guardato il tuo sito, ma non mi si accende lampadina. Benvenuto comunque nel mio sito, ma se mi decripti il tuo messaggio ti sono grata…

      Liked by 1 persona

      1. Nel sito così come ho scritto, ho cancellato tutti i post regalatomi da Enzo , c’è solo questo che dimostra se non altro che non ero da non frequentare come aveva scritto contemporaneamente

        Liked by 1 persona

  6. guarda… io penso di non conoscere né te, né Enzo. E come faccio sempre mi limito a osservare i siti di ognuno senza pregiudizi, con la cura e il rispetto che mi sono propri. Ho trovato stamattina la tua segnalazione e nel pomeriggio guarderò con serena attenzione il sito. Tutto qui. Non so nemmeno il tuo nome e non riesco a visualizzare il tuo sito equazioneproporzione perché a me risulta come inattivo. Non so. Guarderò il tuo link.
    Ti rinnovo il mio saluto
    grazie ancora per il tuo passaggio
    d.

    Liked by 1 persona

    1. ecco! ho dato solo un occhio al tuo blog e ho cominciato a seguirti ché mi sembra interessante
      sei anche danzatore o in che modo sei prossimo al danzare? una semplice curiosità per il fatto che hai colto una traccia della mia presentazione 🙂
      ciao

      Liked by 2 people

        1. “dilettarsi” in certi ambiti credo sia la misura migliore per sperimentare. Forse proprio coloro che sono “a grossi livelli” non mancherebbero nel dirci questo.
          Devo ancora passare con calma nel tuo spazio/blog, ma lo farò nei prossimi giorni
          Ti auguro una buona notte
          Ci si ritrova tra le rispettive pagine 🙂

          Liked by 2 people

    1. ricambio i tuoi ‘like’ a qualche mio commento, ah ah
      scherzo… ogni tanto appoggio qualche pensiero altrui 😉
      ammetto che non conosco il tuo spazio… ma appena ho un tempo buono in giornata mi faccio un primo giro
      Io scrivo ‘poesia’, diciamo, come noterai, ovvero è il modo in cui riesco a esprimere anche i miei pensieri sulla vita

      Ok, ci si segue

      grazie 🙂

      Liked by 2 people

      1. Bella la poesia. Io scrivo principalmente di storia, politica, economia e attualità ma ultimamente sono in pausa e scrivo di altro (ci sono pure fumetti e qualche film, nonchè svaghi di ogni tipo). 😀

        Un caro saluto!

        Liked by 1 persona

    1. Grazie a te d’esser passata nel mio spazio e di avermi dato così la splendida possibilità di conoscere il tuo, le tue di pagine. Hai una scrittura di spessore e ripasserò appena mi riesce per leggerti ancora. Di solito seguo con più difficoltà le prose, ma mi prende il tuo modo di sentire e trasferire in scrittura la vita.
      a presto…

      Liked by 1 persona

  7. è un bel titolo “Erospea” …qui su due piedi mi fa venire in mente “Eros” e “Spem” 🙂 Bella anche la presentazione che ho letto in cima a questa lista di commenti… mi sembra tutto in divenire, insomma… un bel blog. Ben trovata.. tornerò …

    Liked by 2 people

    1. “Erospea” mi viene da “Eros” e dal verbo greco antico ποιέω … dovrei averlo scritto correttamente, credo… Ma mi piace anche la versione che avevi suggerito 🙂
      mi piace anche questa idea del divenire…
      devo ancora passare nel tuo spazio con la dovuta attenzione
      intanto comincio a seguirti
      a presto!

      Liked by 2 people

    1. ciao, dimitilla
      innanzitutto benvenuta tra le mie piccole pagine
      non ci siamo mai incrociate, credo, e dopo con calma passo da te
      la frase sul mare risale a tantissimi anni fa e la tenni qui, anche se non so quanto oggi ci sia di me nelle info, quanto scriverei diverso, ma mi è piaciuto tenerle comunque così
      la foto è un luogo dove mi ritrovo bene e in pace…

      a più tardi e grazie ancora per il tuo passaggio

      Mi piace

    1. la tua proposta è interessante e ti ringrazio per avermi chiesto questa cosa, ma temo di non essere perfetta per l’argomento. Mi spiego: so come accade a me di scrivere, ma credo che riuscirei a dare una spiegazione ‘regolare’… non intendo propriamente le regole, la tecnica, ma proprio un’esposizione chiara e precisa di un “come” o delle varie possibilità
      Sono per natura troppo mutevole quando provo a scrivere in prosa, a fare il punto sulle cose
      Non so e riesco a spiegarmi in questo senso
      ma grazie ancora per la proposta
      un sorriso 🙂

      Liked by 1 persona

  8. Chissà se tra queste tue spaginazioni troverai le parole che cerchi dentro di te per dire tutto quello che senti giusto sia detto… te lo auguro… le parole non sono accostamenti di suono, ma fiato d’anima quando veicolano accenti sinceri… credo tu lo sappia fare.

    Liked by 1 persona

            1. bisogna trovare sempre una strada di felicità o, almeno di cura, nella parola
              la parola è un mezzo troppo logico a volte, ma anche interpretabile in modo illogico
              luminiscenza, anche dal buio fondo, trovarla… come emergere, come?

              Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...